SU AMAZON IN OFFERTA OGGI



Offerta
Samsung MC28H5015AS Forno Microonde Grill Combinato, 28 Litri, SmartOven, 900 W, Grill 1500 W, 51.7 x 31 x 47.6 cm, Argento
Samsung MC28H5015AS Forno Microonde Grill Combinato, 28 Litri, SmartOven, 900 W, Grill 1500 W, 51.7 x 31 x 47.6 cm, Argento
Il durevole rivestimento Ceramic Inside è facile da pulire ed è resistente ai graffi; Le dimensioni del forno a microonde sono di: (L x A x P) 51.7 x 31 x 47.6 cm
179,90 EUR −29,91 EUR
Offerta
Candy CMGE23BS - Microonde con Grill, 23 Litri, 900W, Piatto girevole diametro 245 mm, Nero, 28.1 x 48.3 x 39 cm
Candy CMGE23BS - Microonde con Grill, 23 Litri, 900W, Piatto girevole diametro 245 mm, Nero, 28.1 x 48.3 x 39 cm
Forno Microonde Combinato con Grill 23 lt; Sistema sicuro grazie alla funzione blocco bambino
125,29 EUR −3,29 EUR

Le onde a microonde possono essere nocive per la salute?

Vi siete mai preoccupati di usare il vostro forno a microonde perché avete sentito dire che potrebbe danneggiarvi in qualche modo? O che potrebbe distruggere i micronutrienti presenti nel vostro cibo? O addirittura causare il cancro? Sono miti? Ci preoccupiamo di nulla? O c’è qualcosa di vero in tutto questo?

Non preoccupatevi. Entro la fine di questo articolo, avremo affrontato ognuna di queste preoccupazioni.

Le microonde distruggono le sostanze nutritive dei cibi?

I forni a microonde stanno diventando sempre più popolari a partire dagli anni ’60, grazie alla loro convenienza, all’elevata efficienza energetica, ai rapidi tempi di elaborazione e alla facilità d’uso. Da allora i ricercatori stanno studiando come gli alimenti a microonde possano influenzare il loro contenuto di nutrienti, in senso buono o in senso negativo. In uno studio pubblicato su The Journal of Agricultural and Food Chemistry, è stato trovato che i broccoli avevano conservato tutti i minerali quando cotti nel microonde, ma  perso la vitamina C, che si è infiltrato in acqua.

Questo significa che dovremmo evitare di usare il microonde per le verdure? Non necessariamente. In primo luogo, la vitamina C è piuttosto volatile nel calore, quindi la cottura in generale ne provoca la perdita. Per fortuna, la C è abbondante nella frutta e nella verdura cruda, quindi è possibile compensarla. Ora, ecco la parte più interessante: è stato dimostrato che la cottura al microonde produce le più basse perdite di antiossidanti in 20 verdure rispetto alla cottura a pressione, all’ebollizione o alla frittura. Questa è davvero una buona notizia.

Omega 3 e microonde

E gli omega 3 nel pesce? Uno studio pubblicato su Food and Bioproducts Processing ha studiato gli effetti dei diversi metodi di cottura sul contenuto di nutrienti della spigola. Le perdite di grassi omega 3 erano più elevate nella spigola al microonde che nella spigola fritta. Tuttavia, i ricercatori hanno convenuto che la spigola fritta ha aggiunto grassi indesiderati nel mix e non era sano come la cottura a microonde!

Quando si tratta di scegliere un metodo di cottura, dipende da voi (o dal vostro cliente), dai vostri obiettivi personali, da quali sostanze nutritive volete ottenere di più e da quali cercate di evitare!

I contenitori per microonde sono rischiosi?

Come sono sicuro che avete sentito, sono state sollevate preoccupazioni anche sull’uso dei contenitori di plastica quando si usa il microonde. Quando il cibo viene avvolto in plastica o messo in un contenitore di plastica e sottoposto a microonde, le sostanze chimiche della plastica possono fuoriuscire nel cibo. Questo sembra causare molta preoccupazione alle persone ma, secondo la Harvard Medical School, questo è strettamente regolamentato: i test sono condotti per garantire che le quantità non sicure non si disperdano negli alimenti e solo i contenitori che superano questo test possono dichiarare che sono approvati per l’uso nei forni a microonde. D’altra parte, l’organizzazione Breast Cancer UK esorta le autorità a vietare il BPA, un tipo di plastica usata non solo nei forni a microonde ma anche nella maggior parte dei prodotti confezionati! Quindi, se siete preoccupati per questi rischi, passate alle alternative più sicure, come i contenitori in vetro e porcellana per la cottura a microonde.

Le radiazioni del microonde rendono gli alimenti radioattivi?

Forse la più grande paura per la salute è data da coloro che sostengono che le microonde emettono radiazioni “nocive”, trasformando innocenti composti alimentari in sostanze radioattive in grado di causare il cancro. Ma è vero? Queste affermazioni sono talmente preoccupanti che vale la pena di entrare nell’irrilevante e insignificante realtà delle radiazioni delle microonde. Che cos’è la radiazione? Avete mai pensato a cosa sono in realtà le radiazioni? Le radiazioni si trovano ovunque intorno a noi, in quantità variabili. È essenzialmente il rilascio di energia, che viene emesso dalle cose di tutti i giorni, come il sole e gli elettrodomestici. Siamo sempre esposti alle radiazioni naturali di fondo. Dai gas radioattivi emessi dalla terra, alle sostanze radioattive del suolo. Avete mai fatto una radiografia? Questa è un’altra forma di radiazione. Avete mai usato un lettino solare?

Il tuo cellulare emette radiazioni, così come i computer, i riscaldatori e le radio. È ovunque! Quindi questo significa che siamo in costante pericolo per le microonde e per il mondo che ci circonda? Indaghiamo. In primo luogo, è importante capire come funziona un microonde.  Durante la cottura, si consiglia di mantenere la distanza dalla porta del microonde (almeno 50 centimetri). E assicuratevi di sostituire le microonde vecchie o rotte che potrebbero perdere radiazioni all’esterno.

Come funzionano le microonde?

Prima di parlare di come le microonde riscaldano il cibo, facciamo una distinzione tra due tipi di radiazioni molto diverse: 1. radiazioni ionizzanti e 2. radiazioni non ionizzanti. Le radiazioni ionizzanti, che possono rimuovere gli elettroni strettamente legati agli atomi, provocando la loro carica, sono meno rischiose in quantità molto piccole (come i raggi X) ma possono causare problemi quando l’esposizione è elevata (pensate alle ustioni e anche ai danni al DNA).

Tuttavia, le microonde emettono radiazioni non ionizzanti; un tipo di radiazione che ha abbastanza energia per spostare gli atomi all’interno di una molecola, ma non abbastanza per rimuovere gli elettroni. Cosa significa questo? Poiché la radiazione delle microonde non è ionizzante, può solo causare il movimento delle molecole nel cibo. Questo è un bene! In altre parole, le radiazioni delle microonde non possono alterare la struttura chimica dei componenti alimentari. Più precisamente, quando si riscalda il cibo nel microonde, la radiazione che il microonde produce viene effettivamente assorbita dalle molecole d’acqua presenti nel cibo. Questa energia fa vibrare le molecole d’acqua, generando calore attraverso questo attrito (innocuo) che cuoce il cibo. Questo meccanismo è ciò che rende le microonde molto più veloci nel riscaldare il cibo rispetto ad altri metodi. La sua energia raggiunge immediatamente le molecole che si trovano  sotto la superficie esterna del cibo, mentre il calore proveniente da altri metodi di cottura si sposta nel cibo gradualmente attraverso la conduzione, come il fondo di una pentola che tocca direttamente un anello di cottura caldo.

I forni più vecchie di 10 anni o con porte difettose devono essere sostituite immediatamente per ridurre l’esposizione alle radiazioni durante la cottura. Quindi, le radiazioni del microonde sono dannose? Alcuni dicono che l’energia emessa dalle microonde è sufficiente a danneggiare la propria genetica (DNA) e quindi a causare il cancro. Ma c’è qualche buona prova a sostegno di questa teoria? Diversi studi sono stati effettuati utilizzando animali da laboratorio e sistemi in vitro (al di fuori di un organismo vivente), ma pochi hanno studiato i tessuti umani viventi, per cui è difficile trovare associazioni causali. Nel 1997, Peter Valberg ha esaminato tutti gli studi epidemiologici dell’epoca, che hanno esaminato l’incidenza e la distribuzione del cancro in relazione all’esposizione alle radiazioni a microonde e hanno cercato di determinare se le microonde aumentassero il rischio di cancro nell’uomo. Trovò pochissime prove a sostegno di una relazione causale tra questa esposizione e la malattia e, pur considerando ciò che altro si sapeva sul meccanismo che le microonde utilizzano, così come ciò che era stato osservato negli studi sugli animali, concluse che le microonde non causano il cancro. Questo ha senso perché sappiamo che le radiazioni non ionizzanti utilizzate nei forni a microonde non sono abbastanza potenti da trasferire le radiazioni nel cibo; possono solo causare il movimento delle molecole d’acqua. Pochissimi studi scientifici hanno avuto luogo dopo la revisione di Valger. Detto questo, uno studio in Biologia molecolare e cellulare ha rilevato che l’esposizione alle radiazioni a microonde non mostrava alcun segno di aumento del rischio di cancro nei topi albini svizzeri. Un enorme sollievo.

Ultimo aggiornamento 2021-05-12 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API